giovedì 19 settembre 2013

Working Holiday Nuova Zelanda - Cercare Lavoro - job hounting

devo dire che la ricerca del lavoro si sta rivelando cosa ardua!

non ho capito di preciso quale sia il problema: il visto, il mio curriculum, il campo in cui sto cercando o che altro! i miei amici connazionali hanno trovato lavoro nel giro di una settimana, buona la prima! in ristoranti italiani ovviamente. io invece sto cercando nel retail ovvero come commessa nei negozi.

avro' mandato una 40ina di curricuriculum nel giro di 3 settimane, risultato: 2 colloqui.

il primo tre giorni fa, manager una ragazza indiana, in un negozio di scarpe.
il colloquio non e' andato malissimo, spesso non capivo l'intera domanda, ma cercavo di arrancare parlando di cose relative a quel poco che avevo capito! la domanda su punti di forza e debolezze mi ha spiazzato, sapevo che me l'avrebbero fatta ma non sn mai preparata a questo, neanche in italia!
in ogni caso il colloquio non e' stato disastroso, anche se ero nervosissima e agitata in quanto era il mio primo colloquio dopo 10 anni! non sapevo proprio come comportarmi, mi sentivo a scuola mentre in realtà si tratta solo di parlare di te stesso, non dovrebbe essere difficile!
non e' andata male, perche' sono stata richiamata di pomeriggio per una prova. Immaginavo che sarei stata di fianco a un'altra commessa, invece sono stata lasciata allo sbaraglio, come se quel negozio fosse stato il mio habitat naturare. c'erano 100 scaffali con 2000 scatole di scarpe e secondo la manager dovevo essere in grado di sapere dv si trovavano le scatole! ovviamente non ho capito un cavolo a parte che erano disposte in ordine alfabetico, ma l'alfabeto faceva uno strano zig-zag tra pareti opposte. morale della favola, quando sono andata a cercare un paio di scarpe da far provare a una ragazza, la manager mi ha dato una strigliata perchè non sapevo dove cercare!! la seconda volta non è venuta ad aiutarmi pur sapendo che sarei stata in difficoltà, così sono andata a chiamarla io. dati i presupposti non pensavo di aver fatto una gran bella figura, invece sono stata contattata per un terzo incontro il giorno seguente.
ascoltate bene: NON SIATE ONESTI, L'ONESTA NON RIPAGA!
mi sono ricordata di aver omesso che col Working Holiday Nuova Zelanda non siamo autorizzati a lavorare per più di 3 mesi con lo stesso datore di lavoro, così appena sono arrivata al terzo incontro ho subito messo in chiaro le cose. a quanto pare il manager della manager non era al corrente di questa restrizione del Working Holiday Nuova Zelanda per noi italiani e mi ha detto "grazie per l'onestà ma stiamo cercando qualcuno che resti con noi a lungo termine, grazie ciao!"

.............NNNNNNNOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!.............
l'ho raccontato a un'amica italiana e mi ha detto che assolutamente non devo dire di questa storia dei 3 mesi, se no non mi assume nessuno! ok, grazie del consiglio, lo faro'. il guaio è che alcuni non ti chiedono il visto, altri si... in questo caso sono fregata ugualmente, ma me la rischio :)
lo stesso pomeriggio la manager mi ha richiamato per dirmi che era so sorry che non poteva assumermi per questa ragione. se non altro è stata gentile e credo che la telefonata abbia fatto bene alla mia autostima. probabilmente se non avessi rivelato il dettaglio dei 3 mesi, avrei avuto il lavoro!

non mi sono persa d'animo e nel pomeriggio sono andata a newmarket che è una zona piena di negozi a 15 minuti di bus dal centro. ho lasciato una decina di cv, nell'ultimo negozio, in cui sono entrata semplicemente perchè avevo l'ultimo cv da lasciare, mi ha detto di tornare il giorno dopo per un colloquio. mi ha chiesto di truccarmi e "give me your best". mi ha vista vestita con jeans e stivali, giacca di pelle e capelli da rockstar, ho immaginato che l'abbigliamento non andasse bene. il problema e' che ho solo jeans con me! non che in italia avessi dell'altro, il mio stile è quello.
cosi sono tornata in ostello a scegliere l'outfit per il colloquio, sono riuscita a trovare delle ballerine, una maglia di cavalli abbastanza scollata, dei pantaloni neri lucidi ma col cavallo basso. Mi sono fatta la piastra e mi sono messa l'ombretto "smokey eyes", mi sentivo più da club che da colloquio, però oooh questo c'era in valigia! ho raccontato di questo problema dell'abbigliamento a un'amica in italia, mi ha detto <ma vai a comprarti due stracci da 2 soldi!> ... la mia risposta e' stata... BBBBELLLAAAAA QUA ANCHE GLI STRACCI COSTANO CARI! un pantalone USATO te lo vendono almeno a 20$ ed e' usato!!!!!
in ogni caso, pur non essendo convinta del mio abbigliamento per l'occasione, mi sono armata di coraggio e sono andata al mio colloquio.
La manager ovviamente non ha apprezzato! ahahahahha! mi ha detto che il mio look era troppo HOT per le sue clienti, che ero TROPPO MAGRA per le sue clienti, e che per contratto chi lavora li deve avere addosso almeno 3 tipi di trucco, io avevo solo ombretto e matita perchè non sono una che si trucca.
Solo al colloquio ho scoperto che il negozio era per taglie forti, quando ho lasciato il curriculum mica me ne ero accorta!! la manager mi ha chiesto che taglia porto e ha detto che le sue clienti si sentirebbero a disagio a farsi vedere da me semi nude, mentre si provano qualcosa, quindi già solo per l'immagine non ero adatta al lavoro, ma mi ha dato lo stesso l'opportunità di portare a termine il colloquio, rispondendo a tutte le domande. mentre si andava avanti avevo ben chiaro in testa che non avrei avuto il lavoro, però sono andata fino in fondo perchè è pur sempre un'esperienza. per far pratica con la lingua e coi colloqui, ogni volta impari qualcosa di nuovo riguardo alle domande e puoi preparare le risposte per la volta successiva!
al primo colloquio mi avevano chiesto pregi e diefetti, mi sono preparata benissimo per questa domanda, ma purtroppo non me l'hanno chiesta! questa volta le domande erano più specifiche su episodi avvenuti nei lavori precedenti e su come mi comporto in determinate situazioni.

e' andata male di nuovo, ma mica mollo!!!! alla prossima puntata :)

Working Holiday Nuova Zelanda


PS: tengo a precisare che io sono tutt'altro che magra, va beh neanche obesa come le clienti di quel negozio, ma non sono affato normopeso. questo mi ha fatto sorridere al colloquio, l'essere troppo magra per la clientela in questione! non oso immaginare la faccia che ho fatto quando ha detto "troppo magra!!"

1 commento:

Tommy ha detto...

hai visto che figo.. sei diventata una modella.!! .. beh dai la storia dei 3 mesi anche qua non ti assumerebbero mi pare normale che tu la debba omettere piuttosto informati su tfr..e gestioni di diritti del lavoro laggiu perche se dopo 3 mesi parti e quelli ti pagano dopo un po.. come fai!?